P R O G E T T I 

Blue Sky Above The Dreamers

Francesco Bruno presenta il suo ultimo progetto discografico dal titolo "Blue Sky Above The Dreamers", pubblicato dall’etichetta Slovacca Hevhetia. L’album è stato realizzato in quartetto con Pierpaolo Principato, piano, Luca Bulgarelli, contrabbasso, Marco Rovinelli, batteria. Il progetto vede anche la partecipazione di ospiti quali il sassofonista Argentino Javier Girotto ed il trombettista Aldo Bassi.

 

Otto composizioni originali, con tessiture melodiche ed armoniche ad esprimere un' incessante alternanza di gioia e dolore, speranza e disillusione, nostalgia e sguardo al futuro. Una rinnovata dimensione di jazz acustico, nella quale traspare il desiderio di ricerca di una Latinità condivisa con altre culture che travalichi gli stretti confini di appartenenza geografica o artistica.

 

Le note di copertina sono state scritte da Adam Baruch, una tra le più autorevoli firme nell’ambito della critica musicale internazionale, collaboratore di testate quali "Down Beat", "Jazz Journal International", "Jazz Forum", "Jazz News International" , direttore artistico del Singer Jazz Festival di Varsavia e ideatore del sito di critica musicale “Soundtrack of my life” con oltre otto milioni di visitatori.
 

Francesco Bruno Ensemble - Remember - tributo a Primo Levi

Il progetto, nato da un’idea del chitarrista e compositore Francesco Bruno, si traduce in una rappresentazione live multimediale in omaggio e nel ricordo del grande scrittore e poeta Primo Levi. La lettura delle poesie scelte dall’opera dello scrittore, sono affidate alla attrice Silvia Lorenzo e portate sulla scena insieme alle composizioni musicali live del Francesco Bruno ensemble con la partecipazione del batterista Marco Rovinelli ed il contrabbassista Jacopo Ferrazza


Nell’ambito della rappresentazione live, all’alternarsi di poesia e musica, si susseguono le creazioni video art del prof. Iginio De Luca, docente presso l' Accademia delle Belle Arti di Frosinone, che ha coinvolto in questo progetto un gruppo di giovani studenti del corso di installazioni multimediali e del regista Giovanni Bruno, docente presso la Scuola di Cinema "Sentieri Selvaggi" di Roma.


Ricordare ciò che ha determinato il dolore è consapevolezza di un sentire, è vigilanza costante, è memoria che genera attenzione. Ed è indispensabile quando il pericolo è ancora presente, quando i segnali cambiano forma e colore, ma riflettono le medesime caratteristiche di ciò che è stato già vissuto.
L’altro da “noi” come nemico si ripete costantemente. Un “noi” che può assumere mille aggettivi: noi bianchi, noi cristiani, noi uomini, noi bramini, noi europei, noi operai, noi artisti……
Razza, casta, religione, sesso, etnia, colore della pelle diverso all’ interno di una medesima etnia (gli albini in Africa), qualunque elemento consenta di aggregarsi intorno ad un “noi” determina un “altro da noi”, un antagonista che, quando necessario, sarà facile divenire un nemico. E allora RICORDARE.
Ricordare gli infiniti momenti di disattenzione, di sottovalutazione dei segnali, di mancanza di spessore nella nostra voce affinché si richiami l’attenzione là dove è necessario.


E l’arte, e la poesia, e la musica. Come elementi di sostegno a quell’energia necessaria a non abbassare la guardia. La Musica come ritmo che accompagna la nostra volontà di fare argine a derive inizialmente solo sciocche ma pronte sempre, purtroppo, ad assumere connotati impensati.
Una musica che accompagna la determinazione a far sì che semplificazioni scolastiche lascino il posto a riflessioni mature, una musica che promuova e sostenga una formazione continua alla collaborazione tra necessità diverse ma sempre individualmente indispensabili. Così come le tensioni armoniche, in ogni composizione, si alternano per dare vita alla musica stessa.


Una musica “straniera” non appartenente a nessuna comunità. Essa, come tutte le arti, è eterea, intangibile, lontana dal dolore della carne. Essa trascende quella catena in fondo alla quale si erge il Lager e proprio per questo in grado di dar voce all’Uomo in Rivolta presente in ciascun testimone della storia che si ripete.
Questo progetto si propone, attraverso il linguaggio dell’Arte, di dare voce alla testimonianza di Primo Levi, in un difficile momento storico in cui le parole di questo grande scrittore e poeta si rivelano straordinariamente attuali.

 

Francesco Bruno 4et     "Witam"

Nuova formazione per il chitarrista e compositore Francesco Bruno, che dopo aver dato vita per molti anni a prestigiosi progetti di jazz elettrico,  tra i quali il  recente  “ Le parole Altre. Il lungo viaggio di Tiziano Terzani” , lavoro multimediale pubblicato con grande successo dal gruppo L’Espresso – La Repubblica  e portato in scena con grande successo di pubblico nei teatri italiani, tra i quali  l’Auditorium parco della Musica di Roma e il Teatro della Pergola di Firenze, propone  oggi  un originale progetto di jazz acustico che vede anche la presenza di ospiti internazionali. Il chitarrista ha difatti realizzato un nuovo album intitolato “Witam” (welcome in polacco) chiamando a collaborare, oltre ad un ensemble Italiano di grande prestigio, composto da Pierpaolo Principato – pianoforte, Luca Pirozzi - contrabbasso, Nicola Angelucci – batteria, due tra i più apprezzati musicisti della scena Jazz nord Europea: il trombettista Piotr Vojtasik, già collaboratore di musicisti quali David Liebman, Ronnie Burrage, (Zawinul syndacate) Clarence Seay, Billy Harper etc  e Sylwester Ostrowski, sassofonista che ha recentemente realizzato un cd a fianco di leggende del jazz quali Reggie Moore – piano, Wayne   Dockery - double bass, Newman Taylor Baker. L’album vede inoltre la partecipazione straordinaria di Makoto Kurija, pianista e compositore Giapponese molto apprezzato in patria, formatosi negli States, dove ha lavorato a  lungo a fianco di Chuck  Mangione.

 

Il concerto prevede la presentazione del nuovo cd “Witam”, oltre la rivisitazione di alcune tra le più belle composizioni di Francesco Bruno  tratte da i molti album pubblicati negli anni.

 Angela Terzani Staude & Francesco Bruno Ensemble

"Le Parole Altre.Il lungo viaggio di Tiziano Terzani"

Un viaggio multimediale portato sulla scena e ripercorso come in un  sogno, tra musica ed immagini, in un concerto/evento dove le composizioni di Francesco Bruno spaziano attraverso le molteplici espressioni del jazz moderno, conducendo l’ascoltatore attraverso i luoghi, i suoni e la storia  dei popoli protagonisti della vita del grande giornalista e scrittore e della sua idea di pace.

 

Africa, Siberia, Cina, Vietnam, America Latina, India e Stati Uniti, narrati da artisti che con questo originale e fantasioso progetto, hanno voluto raccontare il lungo viaggio di Tiziano Terzani come fosse un loro sogno, ma con suoni e immagini. Con altre parole.

 

Angela Terzani Staude narra  il lungo viaggio di Tiziano commentando  anche significativi contributi video, gentilmente concessi dalle Teche RAI, nei quali  Tiziano  affronta con straordinaria attualità alcuni  dei grandi interrogativi ai quali l’umanità cerca di dare  una risposta. Il chitarrista Francesco Bruno, compositore e arrangiatore delle musiche,  si  esibisce  insieme a  musicisti  del  calibro  di Luca Pirozzi,  Pierpaolo Principato,  Iginio de Luca e Tommaso Carlini. Sullo sfondo del palco su un maxi schermo, durante lo spettacolo, scorrono  video inediti, realizzati in diverse parti del mondo e proposte in forma di video artistici  curati da Giovanni Bruno.